NEWS

28/09/2021

ILLUMINAZIONE! Può decollare il mega progetto

Importante successo per Eurogroup!

Dopo quasi 4 anni, arriva finalmente la sentenza dal Consiglio di Stato che, riconosce Eurogroup insieme all’impresa A2A, vincitori per il bando di gara presentato nel 2018 per l’affidamento in concessione, in regime di Project Financing, della progettazione definitiva ed esecutiva, nonché dell’esecuzione dei lavori di adeguamento ed efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica del Comune di Treviso, con annessa gestione ordinaria, programmata e straordinaria.

 

Fonte: TRIBUNA DI TREVISO - 25 Agosto 2021 - Articolo di ANDREA PASSERINI

II Consiglio di Stato boccia il ricorso in secondo grado di City Green Light - · Alla cordata A2a-Eurogroup la gestione ventennale in project financing

Ilcomputo dei parametri_eco­nomici su cui si era basta la commissione? Corretti. I pa­rametri di efficientamento energetico? Congrui.U calco­lo dell'Iva e gli indici assegna­ti rispetto al capitolo efficien­tamento? Assolutamente le­gittimi. L'impianto del piano economico finanziario, con la scelta di accorpare deter­minatevoci tecniche anziehe separarle? Non violava le norme. Con queste motiva­zioni i giudici del Consiglio di Stato hanno bocciato ieri - sentenza 5979 - il ricorso di City Green Light, giunta seconda alla gara d'appalto e gia sconfitta in prima grado al Tar di Venezia. Il verdetto romano ha difatto conferma­to il verdetto eesso inLagu­na, per il quale i giudici era­no ricorsi a superconsulenti, fra cui il docente universita­rio Stefano Bertinetti, ehe in­segna a Ca' Foscari, per la complessita tecnica della questione. E dunque l'appal­to dell'illuminazione pubblica, del valore di 33 milioni, fortemente voluto dalla giun­ta Manildo e segnatamente dall'allora assessore al bilan­cio Alessandra Gazzola -po­tra decollare. Una rivoluzio­ne epocale per la citta. Alla cordata vincitrice A2a illumi­nazione - Eurogroup (51 % dell'Ati al colosso bresciano, il 49% all'impresa di Silea) andra la gestione per 20' an­ni degli iipianti, utilizzando anche 3 milioni derivati dal fondo periferie emanato a suo tempo dal govemo Ren­zi. Verra rinnovato integral­mente il sistema di illumina­zione pubblica - senza costi aggiuntivi rispetto alla ge­stione attuale - creando una migliore luminosita perpiaz­ze e strade e riducendo sensi­bilmente l'inquinamento luminoso.

ll bando utilizzava lo stru­mento del project financing, articolato sull'arco dei 20 an­ni. L'associazione temporanea d'impresa ehe gestira il servizio si accollera il maxi in­vestimento iniziale, per poi ti­cevere un canone annuo con cui ricavare il profitto, anche grazie all'utilizzo di tecnolo­giche abbattano i consumi. La giutnta Conte, che ha ere­ditato la partita ma anche i suoi risvolti legali, ha prova­to ad anticipare i tempi, affi­dando intanto il progetto ese­cutivo, congelato in attesa del verdetto di ieri, e che ve­rosimilmente dovra passare in tonsiglio comunale. 

Il suc­cesso del comune - difeso dai legali dell' Avvocatura Ci­vica, Antonello Coniglione e Giampaolo De Piazzi - sbloc­ca di fatto uno stallo durato quasi 3 anni. Tecnicamente, oltre al rifacimento del siste­ma esistente, saranno realiz­zati i tratti mancanti (come in viale della Repubblica) e create luci scenografiche in centro storico, destinati ad abbellire gli scorci piu sugge­stivi della citta ad alto tasso di coreografia. - E intanto di­venteranno diffuse le luci in­telligenti, che illuminano le strade e riducono le disper­sioni verso le case. Da remo­to saranno controllati tutti i lampioni del territorio, men­tre la citta sara invasa da 15 mila lampade ecosostenibili. 

SERVIZIO: NEWS

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO

Copyright © 2022 Eurogroup S.p.A. – Società soggetta a direzione e coordinamento di Uninvest S.r.l.
Partita IVA 00030280267 - Dati societari

Privacy - a citycenter project